Skip to content

Le normative britanniche sulle stufe a legna differiranno da quelle dell’UE?

Agosto 3rd, 2023

Il referendum sulla Brexit nel Regno Unito riguardava l’appartenenza del Regno Unito all’UE e in realtà non ha detto nulla circa il mercato unico; ciò nonostante un anno dopo il Primo Ministro britannico, Teresa May, decise che fosse necessario uscire anche dal mercato unico. Ciò implicava che gli standard di prodotto britannici avrebbero potuto differire dagli standard di prodotto dell’UE e, pertanto, il Governo ha iniziato a lavorare su un nuovo marchio di certificazione per sostituire il marchio CE dell’UE. Mentre il marchio CE dimostrava la conformità alle normative del mercato unico, il marchio UKCA dimostrava che le merci erano conformi alle normative sui prodotti del Regno Unito.

La maggior parte delle imprese nel Regno Unito si è opposta all’introduzione di un marchio di certificazione alternativo in considerazione dei costi aggiuntivi che avrebbe loro imposto e, pertanto, ha esercitato forti pressioni per contrastarlo. Ciò ha comportato che la sua introduzione fosse stata rimandata più volte e poi il 1° agosto 2023, quando la maggior parte delle persone era in vacanza, il Governo ha annunciato che le merci con il marchio CE sarebbero state accettabili per il mercato del Regno Unito a tempo indeterminato. Comunque sia, ci sono alcune eccezioni e una di queste, i prodotti da costruzione, comprende stufe a legna e canne fumarie. I prodotti da costruzione messi in vendita in Inghilterra, Galles e Scozia (ma non nell’Irlanda del Nord) dovranno recare il marchio UKCA a partire dal 1° luglio 2025.

Ad oggi non è ben chiaro il motivo per il quale il Governo britannico abbia deciso d’insistere sul marchio UKCA per i prodotti da costruzione, quando nel caso di quasi tutti gli altri prodotti basterà il marchio CE; tuttavia l’implicazione è che le normative britanniche in questo settore dovrebbero divergere da quelle che si applicano nel mercato unico. Tale divergenza potrebbe verificarsi a causa dell’introduzione di nuove normative nel Regno Unito o, più probabilmente, della mancata replica delle nuove normative nel mercato unico nel Regno Unito.

Per un’interpretazione ottimistica, il Regno Unito potrebbe decidere d’introdurre dei regolamenti che impongano alle nuove stufe a legna di avere emissioni inferiori rispetto alle attuali norme sulla progettazione ecocompatibile. Ciò sarebbe difficile in base alle normative UE vigenti per via del requisito che i convertitori catalitici siano permanentemente bypassati. Un altro potenziale vantaggio del fatto che il Regno Unito in questo settore vada per la sua strada, è che le norme relative alle stufe a legna per l’uso nelle aree di controllo del fumo (note come norme esenti dal DEFRA), che al momento risalgono a 30 anni fa, potrebbero essere abbandonate del tutto o aggiornate e applicate come “gold standard” in aree con problemi di qualità dell’aria.